Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Giovedì 17 Gennaio 2019

Umbria: Figisc-Confcommercio, leva fiscale per ridurre prezzo carburanti

Perugia (PG) - "E' indispensabile mettere mano alla leva fiscale per ridurre la pressione del prezzo. Oltre a consumatori e imprese, anche gli operatori finali della filiera distributiva dei carburanti sono vittime della situazione in atto". E' quanto rileva Giulio Guglielmi, presidente Figisc - Confcommercio dell'Umbria e vicepresidente nazionale della Federazione italiana dei gestori di impianti stradali di carburanti. "Le quotazioni del greggio in questi giorni - aggiunge Guglielmi - hanno toccato i 115 dollari al barile, complice la situazione geopolitica che riguarda anche Paesi produttori di petrolio: una situazione di fronte alla quale e' indispensabile mettere mano alla leva fiscale per ridurre la pressione del prezzo. Di questa situazione, che pesa su consumatori e imprese, sono vittime anche gli operatori finali della filiera distributiva.

I gestori acquistano i prodotti con un margine fisso nominale di 4 centesimi al litro - indipendente dal prezzo finale - con il quale devono pagare tutti i costi di gestione, il personale addetto, le imposte e la previdenza: l'aggravio del prezzo di acquisto unitamente agli oneri finanziari connessi sta mettendo a durissima prova una categoria che e' gia' in sofferenza per la diminuzione dei consumi, l'incremento degli oneri di gestione ed una concorrenza sempre piu' squilibrata dalla sperequazione nelle condizioni di esercizio tra i diversi segmenti del mercato. Gli strumenti - conclude - sono gia' pronti e si tratta di metterli in funzione, occorre sterilizzare l'aumento dell'Iva sul prezzo finale, trascinato dall'effetto greggio, con una corrispondente riduzione dell'accisa, un'imposta che pesa oggi, ad esempio, per 56 centesimi al litro sul prezzo finale della benzina. E' dal giugno 2010 che le quotazioni del greggio sono superiori ai 70 dollari al barile, soglia oltre la quale era stato assicurato un intervento sulle accise, la situazione e' dunque diventata strutturale e serve un rimedio immediato". pg/map/ss

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia