Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Mercoledì 19 Giugno 2024

Booking.com

150* Unita': guasticchi (Perugia), incidere su vissuto giovani

Perugia (PG) - "Le nostre iniziative, portate avanti con l'Ufficio Regionale Scolastico e Con il Comitato appositamente nominato vogliono incidere specialmente sul vissuto delle giovani generazioni per far maturare la consapevolezza dell'importanza avuta dalla conquistata Unita' per la storia e la vita di tutti gli italiani. Un'Unita' troppo spessa bistrattata a livello mediatico, anche con una certa supponenza intellettualistica, come dimostra la polemica montata ad arte sull'invito da noi fatto all'erede dei Savoia Emanuele Filiberto". Lo ha evidenziato il Presidente della provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi, presentando gli eventi in programma per le celebrazioni del 150* dell'Unita' d'Italia e dell'istituzione della Provincia dell'Umbria. Il dirigente della Provincia, Maurizio Terzetti, presente in conferenza stampa, ha ricordato come le iniziative della Provincia intendano ripercorrere una storia per riproporre i valori in essa insiti. Nel fitto programma, previsti per il 17 marzo, dopo "l'abbraccio al Palazzo provinciale" i saluti in sala consiliare, del Presidente, del Prefetto Enrico Laudanna e di Mario Bellucci. Nel pomeriggio, re'cital di poesie, canti e racconti dell'Italia risorta con Emanuela Faraglia, Giulio Brandelli e Maurizio Terzetti. Il 18 marzo, in sala consiliare, una seduta solenne e straordinaria del Consiglio Provinciale di Perugia e, quindi, la presentazione del volume "Eredi dell'Unita". Per Domenico Petruzzo dell'Ufficio Scolastico Regionale "gli istituti scolastici hanno risposto con entusiasmo, stimolando anche i ragazzi a quella forma di partecipazione particolare che risultera' essere la rievocazione in costume del primo consiglio provinciale del 18 marzo 1861". Mario Squadroni, sovrintendente ai beni archivistici dell'Umbria, ha sottolineato di "voler ricordare come, tra tutte nuove le istituzioni del Regno, quella provinciale era l'unica per cui si ritenne necessario la stampa in piu' copie degli atti consiliari". "Un privilegio - ha detto - che voleva mostrare, sin dall'inizio, l'importanza fondamentale della nuova istituzione". pg/rus/bra

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Ultime notizie

Altre notizie