Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Domenica 14 Agosto 2022

Booking.com

Umbria/Basell: Marini, da civile mobilitazione impegno ministro Romani

Perugia (PG) - "La straordinaria e civile mobilitazione dei lavoratori della Basell, delle organizzazioni sindacali, e la ferma e unitaria volonta' delle istituzioni umbre hanno consentito lo svolgimento dell'incontro con il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, che ha assicurato il massimo impegno del Governo a favorire una soluzione positiva della vertenza Basell, manifestando altresi' la piena disponibilita' al rinnovo del "Patto di territorio' per Terni". E' quanto sottolineato dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, unitamente all'assessore regionale all'Economia Gianluca Rossi, al presidente della Provincia di Terni, Feliciano Polli e al sindaco del Comune di Terni, Leopoldo Di Girolamo, presenti alla manifestazione dei lavoratori del Polo chimico ternano davanti al Ministero dello Sviluppo economico, promossa dai sindacati a sostegno della vertenza aperta per l'attivita' produttiva dello stabilimento della Lyondell Basell di Terni e culminata con l'incontro con il ministro Romani. Della delegazione umbra, facevano parte anche i parlamentari Carlo Emanuele Trappolino, Anna Rita Fioroni, Marina Sereni e Domenico Benedetti Valentini, e il consigliere regionale Alfredo De Sio.

"Con il ministro abbiamo avuto un incontro propositivo - riferiscono gli amministratori - insieme a lavoratori ed organizzazioni sindacali, abbiamo rappresentato la volonta' di tutte le istituzioni umbre affinche', con la soluzione della vicenda Basell, venga salvaguardato e rilanciato il ruolo del Polo chimico ternano a livello nazionale". "Abbiamo ribadito, inoltre - proseguono - il fermo sostegno al piano industriale proposto da una cordata di aziende, con capofila Novamont, per il rilancio del sito attraverso la chimica verde. Una proposta in grado di dare prospettive di sviluppo al Polo ternano, che auspichiamo diventi un Polo della chimica verde e delle produzioni biodegradabili". Alla delegazione, il ministro ha anche assicurato la disponibilita' a rinnovare il "Patto di territorio", quale strumento per consentire investimenti nell'area di Terni al fine di realizzare un progetto che punti a creare innovazione, ferma restando la destinazione industriale dell'area. pg/mpd/rob

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia