Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 11 Luglio 2020

Booking.com

Manovra: Confagricoltura Perugia, troppe tasse e poco sviluppo

Perugia (PG) - "Troppe tasse e poco sviluppo". E' il commento del presidente di Confagricoltura Perugia Marco Caprai alla manovra da 30 mld approvata dal Consiglio dei ministri. "Quello varato da palazzo Chigi non possiamo considerarlo un provvedimento improntato all'equita' - ha detto - gli incentivi per l'Irap non riguardano i redditi agrari e quelli per l'aiuto alla crescita economica delle imprese non si applicano alla stragrande maggioranza delle aziende che operano in agricoltura. Inoltre, arriva la batosta dell'Imu sui fabbricati rurali, dimenticando che per gli agricoltori assieme ai terreni sono mezzi di produzione, e si prevede una rivalutazione del loro valore attraverso una serie di moltiplicatori". Il presidente si dice, al pari dell'associazione, "fermamente convinto che serva rigore per risanare la situazione dei conti pubblici e per far ripartire l'economia. Su questo il mondo agricolo responsabilmente non si tirera' indietro, ma non puo' accettare di essere escluso dalle misure di rilancio di cui beneficiano gli altri settori economici. La manovra rischia di rendere la situazione delle imprese agricole, gia' di per se' difficile, ancor piu' drammatica. Siamo pronti a sacrifici - ha aggiunto - ma vorremmo che accanto a misure fiscali e contributive fortemente onerose per i produttori agricoli ci fossero interventi mirati a ridare vigore alle aziende e non un esclusivo inasprimento delle misure fiscali, tributarie, contributive e previdenziali. Questo percorso non segna la strada dello sviluppo e sopprime ogni tentativo di rilancio. La manovra sconterebbe poi l'assenza di equita' e sviluppo, in particolare per il settore agricolo, colpito da nuove tasse ed escluso da "ogni tentativo di rilancio". La fondamentale esigenza di coniugare rigore ed equita' nell'attuazione della manovra finanziaria e' tanto piu' forte in agricoltura, per rendere possibile il rilancio di un settore che vede i suoi indicatori piu' importanti in termini di reddito, prezzi e valore aggiunto ai minimi storici. "Agli agricoltori - ha concluso - occorre garantire le risorse necessarie a metterli al riparo da nuove fiammate dei costi di produzione, che tanto hanno pesato negli ultimi anni sui bilanci delle imprese agricole". pg

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto