Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 19 Ottobre 2018

Dedicato a…

Corciano (PG) - Una delle più note sonate beethoveniane, la “brillante” (o “molto concertante”) Sonata op. 47, apre un programma tutto incentrato su pagine nate dalla collaborazione o dall’ispirazione che virtuosi del violino fornirono alla composizione per il duo con pianoforte. A Rodolphe Kreutzer, che tuttavia mai eseguì la sonata beethoveniana, seguono Samuel Dushkin, per cui Stravinskij scrive la Suite Italienne nel 1932 oltre che il fortunato Concerto, Pavel Kochanskij, per cui Prokof ’ev riadatta le Cinque Melodie nel 1925 e Jelly d’Arany, omaggiata da Ravel con la Tzigane del 1924.

Domenico Nordio, violino
Orazio Sciortino, pianoforte
musiche di
Beethoven, Stravinsky, Prokof’ev, Ravel

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Teatro Cucinelli ed è stato inizialmente pubblicato su . L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia