Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Domenica 25 Febbraio 2024

Booking.com

Acqua&Sapone Umbertide – Techmania Battipaglia 64 – 55

Umbertide (PG) -

La quarta è la volta buona per Acqua&Sapone Umbertide, che finalmente riesce a vincere davanti ai propri tifosi al PalaMorandi, togliendosi dalla spalla una scimmia non indifferente, che rischiava di diventare una vera e propria maledizione a livello psicologico. Contro Battipaglia non è stato per nulla facile e si sapeva: la formazione di coach Riga, con il suo talento e l’energia della sua gioventù ha lottato punto a punto fino agli ultimi minuti, mantenendo sempre incerto l’esito della contesa e confermandosi come una delle novità più importanti di questo campionato, nonostante fosse priva, come già da qualche settimana della statunitense Tunstull. Per Umbertide, dopo un approccio non ideale nel primo quarto, si è tornati a vedere a tratti una difesa davvero efficace, che è salita di livello con il passare dei minuti, fino a rendere praticamente impossibile alle ospiti anche la costruzione delle azioni di attacco nel finale. In particolare ottima la marcatura su Brooque Williams, che fin qui viaggiava a oltre 21 punti di media, tenuta sotto la doppia cifra grazie al lavoro di tutta la squadra con una menzione speciale per il capitano Chiara Consolini, che pur limitata dalla frattura al naso e dalla maschera protettiva, ha difeso con un’intensità notevole mettendo la museruola alla principale bocca da fuoco avversaria, stampandole in faccia anche una stoppata che da un punto di vista ideale può essere considerata anche la giocata della partita. Benissimo come già domenica scorsa Jillian Robbins, non solo e non tanto per le consuete cifre straordinarie, 26 punti (top scorer dell’intera giornata di serie A1, tirando 11/12 dal campo) e 11 rimbalzi, quanto per il modo con cui ha cancellato su entrambi i lati del campo una giocatrice come Kourtney Treffers e per la leadership che ha dimostrato, in ogni frangente di difficoltà è stata lo scoglio al quale la squadra si è aggrappata, capace sempre di produrre qualcosa di positivo. In doppia cifra anche Jacki Gemelos con 13 punti, che al di là delle cifre e del tiro da 3 che continua a uscire, ha prodotto forse la miglior prestazione dell’anno soprattutto in difesa con ben 6 recuperi, Carolyn Swords con 12 e Caterina Dotto con 11. Per Battipaglia 18 punti di una sorprendente Monique Ngo Ndjock, capace di trovare il canestro anche da distanze per lei finora abbastanza inesplorate, e 13 per Marzia Tagliamento, come sempre chirurgica nelle conclusioni dalla distanza.

Gemelos apre le marcature, poi però manca un facile tagliafuori in difesa e ne concede due comodi a Ramò. La presenza di Swords sotto le plance si fa sentire fin da subito in attacco, ma Umbertide soffre in maniera eccessiva a rimbalzo difensivo, concedendo i primi 3 consecutivamente a Battipaglia, tuttavia in questa fase non paga dazio e in attacco ancora Swords può sfruttare la netta superiorità nel gioco in post con Ngo Ndjock. Poi però Williams si mette in partita con un bel tiro in sospensione, l’azione successiva su Ngo Ndjock manca l’aiuto sul lato debole e così l’ex Parma ne può appoggiare due facili che valgono il sei pari. Il rimbalzo che Bonasia strappa a Swords è probabilmente l’immagine che meglio fotografa la maggiore intensità che in questo momento Battipaglia sta mettendo in campo. Dotto comunque dalla lunetta rimette davanti Acqua&Sapone, ma Williams trova la tripla che vale il primo vantaggio battipagliese. Nelle difficoltà è sempre Robbins che emerge: prende il rimbalzo d’attacco, segna, subisce il fallo e completa il gioco da 3 punti. Poi Consolini difende benissimo su Williams stoppandola, ma Battipaglia pareggia con una morbida conclusione di Tagliamento e poi con Ramò e con la stessa pugliese sulla sirena trova due triple che lanciano le campane al massimo vantaggio sull’11-17 che chiude un primo quarto non giocato al meglio da parte di Umbertide

Nel secondo periodo coach Serventi vara il quintetto piccolo, con Robbins e Santucci sotto canestro e il doppio play Pegoraro – Dotto. Con questa configurazione la difesa funziona molto meglio e di conseguenza anche l’attacco ne beneficia. La prima azione vede Robbins tirar fuori due punti letteralmente dai rifiuti della partita, poi un bel coast to coast di Dotto accorcia il distacco che si azzera con un’altra marcatura di Robbins dopo che la penetrazione di Consolini aveva mosso la difesa. Williams in mezza transizione trova però subito il canestro. Una tripla di Dotto vale il nuovo vantaggio di Umbertide. Ngo Ndjock fa 1/2 in lunetta (dopo che un netto fallo in attacco di Orazzo non era stato sanzionato). L’appoggio al vetro di capitan Consolini vale un nuovo vantaggio, poi però Robbins è costretta a uscire dopo essersi vista fischiare il terzo fallo. Swords salva un’azione che ha rischiato per due volte di abortire ricavandone il canestro e fallo che dà il massimo vantaggio sul +4 a Umbertide. Ngo Ndjock trova il canestro dalla media, Swords risponde sfruttando bene il gioco altobasso con Bona, però poi Ngo Ndjock pesca ancora un tiro da 6 metri. Williams pareggia dalla lunetta. Gemelos trova un bell’arresto dalla media che rimette davanti Umbertide. però poi Bonasia sulla sirena trova la tripla che manda al riposo le ospiti avanti di un punto sul 29-30.

Nel terzo quarto la difesa di Umbertide sale ulteriormente di giri, alternando vari schieramenti tra cui la zona in vari momenti. La prima azione della ripresa vede Treffers mettersi in partita con una bella penetrazione, ma resterà il suo unico lampo. Poi Dotto scippa Bonasia, che l’aggancia da terra, ne consegue il fallo antisportivo, che però frutta solo 1 punto. Battipaglia viene forzata diverse palle perse, ma ogni volta Acqua&Sapone non ne approfitta in attacco, dando il proverbiale calcio al secchio del latte versato, così alla fine Williams ne approfitta per trovare il +4. La svolta arriva quando Gemelos scippa Williams, segna e subisce anche il fallo dell’avversaria, convertendo il libero. La guardia di passaporto greco si esibisce nello stesso esercizio subito dopo, volando via in contropiede ad appoggiare il primo vantaggio interno dopo il riposo lungo. Robbins allunga ulteriormente, poi alla fine Battipaglia si sblocca con Ngo Ndjock. Un fischio arbitrale annulla un pregevole canestro di Consolini per un presunto fallo in attacco che rimane abbastanza misterioso da identificare, subito dopo Battipaglia si vede regalare un possesso supplementare su un rimbalzo di Treffers su un tiro di Williams che non aveva toccato il ferro allo scadere dei 24” e si riporta quindi avanti. Robbins risponde, ma subito Tagliamento trova la tripla. Robbins però in attacco abusa a piacimento di Treffers e ne mette quattro di fila. Battipaglia perde ancora palla in attacco, Dotto riparte in contropiede e segna con fallo subito, convertito dalla lunetta. Sono gli ultimi punti del parziale che si chiude sul 46-41 per Umbertide.

L’inerzia della partita cambia però improvvisamente nei primi due minuti del quarto periodo, con Battipaglia capace di un break di 9-0, ispirato inizialmente da uno show personale di Marzia Tagliamento che punisce la zona di Umbertide con un’altra tripla e poi raccoglie il rimbalzo pareggiando sul 46 pari, Williams poi viene dimenticata completamente dal taglia fuori e segna alla stessa maiera a rimbalzo e le ospiti che continuano a cavalcare il parziale con la penetrazione di Orazzo che vale il 46-50. Nei momenti di difficoltà per Umbertide c’è sempre Robbins a cui aggrapparsi: prima segna, poi scippa Bonasia e lancia Gemelos per il facile appoggio del pareggio, quindi si guadagna i liberi convertiti al 50% che valgono il sorpasso e subito dopo il recupero di Gemelos va ancora in lunetta chiudendo con identico bottino. Sono le giocate che inaugurano il parziale di 12-0 che deciderà l’incontro: il pressing di Umbertide manda in tilt Battipaglia che non riesce neppure a eseguire la rimessa da fondo e Swords fa valere i suoi centimetri per il+4. Nonostante un paio di attacchi sprecati, la difesa di Umbertide è ormai diventata ermetica e Battipaglia non segna più. Caterina Dotto pesca ancora Robbins sotto canestro e poi Gemel0s ruba palla a Tagliamento e vola in solitaria ad appoggiare al vetro il +8 a 1’28” dalla fine. Dopo il time-out di Riga, Bonasia trova però immediatamente la tripla. Minuto di sospensione chiamato quindi da coach Serventi, che disegna un gioco che riesce perfettamente, con Dotto a imbeccare Swords che segna, subisce fallo e converte il libero che di fatto chiude il match. Nell’ultimo minuto c’è spazio per i liberi di Robbins, per la tripla di Williams e per l’appoggio al vetro dell’ala da Oklahoma University che servono a scrivere il finale di 64-55 ma non cambiano la sostanza di un risultato che permette ad Acqua&Sapone di esultare per la prima volta al termine di un match casalingo.

Umbertide: Swords 12, Robbins 26, Consolini 2, Gemelos 13, Dotto C. 11, Santucci, Pegoraro, Bona, Cabrini ne, Ortolani ne, Villarini ne. All. Serventi. Rimbalzi 39 (Robbins 11)

Battipaglia: Treffers 2, Ngo Ndjock 18, Williams 9, Ramò 5, Bonasia 6, Russo A. ne, Russo F., Tagliamento 13, Orazzo 2, Marchetti ne, Diouf ne, Costa ne. All. Riga Rimbalzi 30 (Ngo Ndjock 9)

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Acqua&Sapone Umbertide ed è stato inizialmente pubblicato su www.pfumbertide.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia