Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 22 Marzo 2019

Umbria/rinnovabili: Rometti, con decreto a rischio interventi settore

Perugia (PG) - "A lasciarci perplessi, soprattutto per le ricadute sul territorio, e' l'introduzione in senso restrittivo, di nuovi limiti degli incentivi e dei finanziamenti in corso". Lo ha evidenziato l'assessore all'Ambiente della Regione Umbria, Silvano Rometti, per il quale sarebbero tanti i nodi da sciogliere riguardo al decreto legislativo sulle energie rinnovabili approvato dal Governo.

"Il provvedimento infatti - spiega - stabilisce che, a partire da giugno, si prevede una rimodulazione del regime degli incentivi. Una decisione questa, che ha creato sconcerto e malcontento tra chi opera nel settore delle rinnovabili che teme, oltre ad una drastica riduzione di posti di lavoro, anche una difficolta' di accesso al credito". Per Rometti quindi "dietro questa decisione del Governo si intravede il rischio di rendere sempre piu' problematici gli interventi in questo settore che e' in crescita anche nella nostra regione".

In proposito Rometti, ha ricordato che le energie rinnovabili rappresentano una delle priorita' del programma di legislatura della Giunta regionale e che in questi mesi sono state approvate norme per disciplinare il settore. "Inoltre - ha aggiunto - sono in fase di definizione le linee guida per la nostra regione con le quali saranno definiti i criteri per un corretto inserimento paesaggistico e ambientale degli impianti per la produzione di energia mediante l'utilizzo delle varie fonti energetiche rinnovabili, solare e fotovoltaica, eolica, da biomasse, geotermica e idroelettrica". "Con questi atti - ha concluso - si vuole conciliare la tutela dell'ambiente e del paesaggio e lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili, definendo sostanzialmente i criteri di localizzazione degli impianti, privilegiando l'ubicazione nelle aree produttive e nelle aree maggiormente compromesse dal punto di vista territoriale e paesaggistico, mirando a salvaguardare i versanti collinari e montani e il territorio agricolo, soprattutto quello di particolare interesse". pg/sam/bra

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia