Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 04 Luglio 2020

Booking.com

Umbria: Regione, a breve Fondo microcredito imprenditoria femminile

Perugia (PG) - Un fondo per il microcredito, previsto dalla nuova legge finanziaria con una dotazione di 1 mln di euro, una riserva di budget per imprese femminili in base a quanto previsto dalla legge regionale 12/95 per l'imprenditoria femminile, l'introduzione ed il rafforzamento di fondi rotativi. Sono i nuovi strumenti per sostenere la creazione d'impresa e lo sviluppo delle imprese femminili a cui sta lavorando la Regione Umbria annunciati da Daniela Toccacelo, dirigente del Servizio Politiche di sostegno alle imprese, nell'ambito dell'appuntamento dei tavoli tematici del progetto "Emma" su "L'Umbria, le imprenditrici e le nuove tecnologie". In particolare - e' stato ricordato - nell'ambito del Programma operativo regionale del Fondo Sociale Europeo 2007-2013 sono previsti nei vari assi, interventi trasversali che consentono di favorire l'imprenditoria femminile, con lo specifico obiettivo di migliorare l'accesso delle donne all'occupazione e ridurre la disparita' di genere attraverso misure finalizzate alla crescita e qualificazione dell'occupazione e alla formazione all'autoimprenditorialita' nei settori ad alta formazione.

Dagli ultimi dati disponibili, relativi al bando ILS 2008 che prevedeva risorse complessive FSE per oltre 7 mln di euro, emerge che il 71% delle 617 domande ammesse a finanziamento per la realizzazione di "work esperience" e' stato presentato da donne; mentre sono state 393 le donne stabilizzate su 653 lavoratori precari ammessi ai benefici. Relativamente ai bandi assegni di ricerca 2010, per un impegno di risorse superiore ai 6 mln di euro (pari a 1.200 euro per 12 mensilita'), i progetti finanziati (407) riguardano per il 66% le donne prevalentemente nel settore privato. La componente femminile e' maggioritaria anche nei progetti ritenuti finanziabili (167 complessivi), di cui 109 riguardanti donne. pg/mpd

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia