Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 26 Ottobre 2021

Booking.com

Umbria: Confagricoltura e Cia, si' a maxistalla a s.Maria Rossa

Perugia (PG) - "Si' alla maxistalla per la liberta' di impresa e di produrre". Questa la posizione di Confagricoltura e Cia regionali sul progetto di Santa Maria Rossa con annesso impianto di biogas. A sostegno delle Opere Pie Riunite e sulla scorta del clamore sollevato a mezzo stampa da parte del comitato contrario alla realizzazione del nuovo centro aziendale, confagricoltura e Cia portano 500 firme di imprenditori agricoli e cittadini residenti nei comuni di Perugia, Deruta e Torgiano. Firme gia' consegnate al sindaco del comune di Perugia Wladimiro Boccali con le quali le due organizzazioni agricole rivendicano il diritto per le imprese agricole e zootecniche di svolgere, nel rispetto delle leggi, la propria attivita'.

"La vicenda maxi stalla - evidenziano Confagricoltura e Cia - da troppo tempo muove parole, sollevando il piu' delle volte sterili polemiche. Pur ritenendo legittimo lo scambio di opinioni sulla questione, siamo certi che il confronto debba basarsi su fatti concreti e non su pregiudizi che esprimono interessi di parte o, meglio, di pochi. E' indiscutibile l'utilita' per il territorio e per la sua economia di un comparto come quello agricolo- zootecnico. E' indiscutibile che, soprattutto in un periodo non facile dal punto di vista economico e sociale, venga salutata positivamente la nascita di una nuova attivita' capace di operare nel pieno rispetto delle leggi e delle normative igienico-sanitarie, ambientali ed urbanistiche. Da troppo tempo, invece, si sta assistendo ad atteggiamenti aprioristici e di netta chiusura nei confronti di chi vuole lanciare, anche grazie a questa nuova iniziativa, un messaggio di speranza a chi ancora crede nelle potenzialita' agricole del territorio. Le attivita' zootecniche ed agricole sono da sempre una risorsa e non un problema per la nostra regione. Garanzie di maggiore salubrita' e qualita' vengono date proprio dai capi allevati sul territorio e non altrove". pg/mpd/lv

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia