Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Domenica 24 Giugno 2018

Palazzo Comunale, teatro e museo della ‘Castellina’. Cucinelli e Alemanno presentano i progetti per far ripartire Norcia.

Norcia (PG) -

SOLOMEO (PG) – La Fondazione Brunello e Federica Cucinelli e il Comune di Norcia hanno presentato oggi alla stampa presso l’Accademia di Solomeo, il progetto di restauro del teatro e della torre civica del Comune di Norcia, che prenderà il via nelle prossime settimane. Non solo, perché nel corso della conferenza stampa lo stesso Cucinelli ha annunciato l’intenzione di restaurare anche il museo della ‘Castellina’ così che possa essere ripristinata gran parte dell’immagine della piazza di Norcia e far si che le opere attualmente ricoverate nel deposito di Santo Chiodo a Spoleto possano tornare nel luogo d’origine.

“Ringraziamo di cuore Brunello Cucinelli e la sua famiglia per aver abbracciato fin da subito il progetto con questo ulteriore gesto di vicinanza nei confronti della nostra comunità e della nostra città” ha detto il Sindaco, Nicola Alemanno. “La torre campanaria rappresenta il simbolo civico più alto; la campana ha scandito i momenti più importanti della nostra Comunità e quanto prima potremo tornare a risentire i suoi rintocchi. Il suo recupero – continua – indicherà la possibilità che ce la stiamo facendo e al contempo che la ricostruzione pubblica e privata è partita. Quando inizierà lo smontaggio della torre – prosegue il Sindaco – credo che sarà un momento entusiasmante e di speranza per tutti”. L’ingresso delle gru in Piazza San Benedetto è previsto fra circa un mese. “Restituire alla nostra comunità il palazzo municipale e il teatro civico – conclude Alemanno – consentirà alla città di tornare quanto prima ai livelli raggiunti prima del sisma”. Per quanto riguarda il teatro civico, la Fondazione si occuperà della parte strutturale mentre il Comune di Norcia prenderà in carico il rifacimento degli interni come gli impianti e gli arredamenti. Il progetto nasce sotto l’egida del “Patto di Collaborazione con il Cittadino” che è lo strumento con cui il comune ed i cittadini attivi concordano tutto ciò che è necessario ai fini della realizzazione degli interventi di cura, rigenerazione e gestione dei beni comuni in forma condivisa. “Norcia è una città amabile, da sempre nel mio cuore e nella mia anima; rappresenta per il mondo intero spiritualità, misticità e tolleranza” ha detto Brunello Cucinelli. “La nostra identità è forgiata sull’universalità del messaggio di San Benedetto e nella visione di una nuova Europa Norcia sarà speciale. Crediamo che questo progetto a due Secoli – prosegue – si inserisca perfettamente nel nobile fine della Fondazione che è quello di abbellire l’umanità. Siamo grati alla cittadinanza, all’amministrazione tutta e al Sindaco Alemanno per averci coinvolto – continua – crediamo che l’inizio di questi lavori sia un segno importante di rinascita culturale, morale, civile, umana ed economica della comunità di Norcia” conclude Cucinelli, prevedendo come la città sarà importantissima meta per tanti turisti e dovrà essere pronta a rilanciarsi. Sui tempi e modalità di ricostruzione dei beni culturali fa il punto la sovrintendente Marica Mercalli che puntualizza come “il tempo impiegato sia funzionale anche a migliorare la resistenza degli edifici e alla salvaguardia delle tecniche tradizionali, tutelando la storia degli edifici la loro immagine e quindi la riconsegna ai posteri di quei luoghi e strutture nei siti originali, seguendo la tecnica e l’immagine filologica, senza sbavature”. Per quanto riguarda la Basilica di San Benedetto, rimarcando quanto sia stato necessario mettere in sicurezza la torre civica subito onde evitare crolli che avrebbero potuto interessare la facciata, annuncia che “entro la fine del mese riprenderanno i lavori per il completamento dei ponteggi per la contro-facciata e quindi la rimozione di macerie al suo interno”. Quali saranno le fasi di smontaggio della torre civica, lo enuncia l’ing. Stefano Podestà: “dopo il puntellamento interno per sostenere la volta della cella campanaria e l’allestimento di un ponteggio, avverrà lo smontaggio controllato della torre campanaria: ogni pietra sarà quindi numerata, catalogata e allocata in una zona del cantiere per poi essere riutilizzata”.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Comune di Norcia ed è stato inizialmente pubblicato su www.comune.norcia.pg.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia