Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 04 Luglio 2020

Booking.com

Manovra bis: Vinti (Umbria), vessa una volta di piu' ceti meno abbienti

Perugia (PG) - "Una manovra fortemente iniqua, che vessa una volta di piu' i ceti meno abbienti, che mette sotto attacco lo stato sociale e le ultime garanzie del lavoro, senza stimoli per una ripresa economica. Una manovra che non si presenta ne' credibile, ne' efficace, come ben ci mostra l'andamento dei mercati". Cosi' l'assessore alle infrastrutture tecnologiche immateriali della Regione Umbria, Stefano Vinti, si esprime sulla manovra del Governo, ritenendo opportuno, come gia' espresso dalla presidente della Regione, il richiamo ai parlamentari umbri a fare la loro parte nella delicata fase del provvedimento che oggi inizia il suo iter.

"E' necessario - sostiene Vinti - che deputati e senatori dell'Umbria si impegnino anche nel farsi portavoce della richiesta di una riforma organica dello Stato. Non si puo' infatti essere d'accordo con proposte che appaiono estemporanee e demagogiche e che per nulla gioverebbero ai conti pubblici. Ben venga - per l'assessore - un riordino istituzionale del Paese, basato su proposte concrete e di piu' ampio respiro. Ci si chiede perche' il limite di 300 mila abitanti, o peggio, il criterio dei Km quadrati. Piu' che fondato il sospetto che il tutto sia solo a favore della salvaguardia di qualche provincia del nord".

Questa settimana la manovra del Governo arrivera' all'esame delle Commissioni in Senato e l'Umbria viene colpita non solo, come gia' da anni, con forti tagli alla spesa pubblica, ma anche con la soppressione di una delle sue due province. "Una situazione inaccettabile contro la quale politici ed amministratori dell'Umbria hanno il dovere di reagire. E' il momento che le forze sociali, economiche e culturali si mobilitino a difesa degli interessi generali del Paese, dell'Umbria e delle classi sociali piu' deboli. C'e' ancora spazio - conclude - per una battaglia che cambi il segno di questa manovra che e' soltanto di macelleria sociale". pg/map/alf

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto