Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 03 Dicembre 2022

Booking.com

L’omelia dell’arcivescovo Ivan Maffeis per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato pronunciata alla celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale di San Donato, domenica 25 settembre 2022

Perugia (PG) -

Ai nostri orecchi questa parabola stona non poco. Abituati come siamo all’immagine del Padre misericordioso – che attende il ritorno del figlio per far festa – o a quella del buon Pastore, che va addirittura a cercarlo e se lo carica sulle spalle pieno di gioia… questo racconto ci mette davanti alla serietà della vita e alla possibilità di perderla per sempre.

“C’era un uomo ricco”: il male non è costituito dalla ricchezza, ma dal fatto che il cuore di quest’uomo ruota soltanto attorno ai beni terreni, fino a trovare in loro la propria sicurezza, quella che gli consente di sentirsi padrone della propria vita.

E non forse questo il vero peccato?

Non è forse questo che acceca, impedendoci di riconoscere che – come ricordava la parabola di domenica scorsa – della vita noi siamo semplici amministratori; amministratori di un bene che nel volgere di poche stagioni siamo chiamati a restituire…?

Non è forse questo sguardo ottenebrato quello che troppe volte ci fa sentire come superfluo il rapporto con Dio e che ci impedisce di vedere l’altro, di lasciarci interrogare da quello che vive, dai suoi bisogni e dalle sue aspirazioni, di riconoscerlo come fratello?

“Erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe”, osserva la parabola, parlando di Lazzaro. A differenza dei cani, il ricco non vede, ha reso invisibile il povero; è un narcisista, tutto ripiegato su di sé, appagato, incapace di compassione e solidarietà.

“Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri”, ammoniva Amos (I lettura); “canterellano… bevono… si profumano… ma della rovina degli altri non si preoccupano”.

La verità delle cose diventa manifesta col sopraggiungere della morte. Morte che cristallizza definitivamente le scelte fatte in vita: l’indifferenza e l’egoismo, con cui si è vissuti, scavano un grande abisso, un fossato invincibile, insuperabile… E la morte rivela anche da che parte sta Dio: non abita alla tavola del ricco, non è nelle sue vesti lussuose, ma nelle piaghe di Lazzaro.

***

Cara gente, il Vangelo non intende spaventarci, ma scuoterci, inquietarci, provocarci a riconoscere che, come scrive il Papa nel Messaggio per la Giornata del Migrante e del Rifugiato, “il senso ultimo del nostro viaggio in questo mondo è la ricerca della vera patria”.

In questa ricerca è luce la parola del Signore, che parla nelle Sacre Scritture, nella Chiesa, negli eventi, nei fratelli, a partire dai tanti Lazzaro che stanno alla nostra porta: poveri, migranti, sfollati, rifugiati, vittime della tratta, della miseria, dello sfruttamento, della guerra. La giustizia domanda ogni sforzo per includerli, riconoscendo e valorizzando quanto ciascuno di loro può portare alla crescita sociale, economica ed ecclesiale della nostra società.

Riflettiamo, pensiamo, confrontiamoci; ma non fermiamoci alle parole: “Nei momenti cruciali della storia, chi ha saputo lasciare una buona impronta lo ha fatto perché ha tradotto gli ideali, i desideri, i valori in opere concrete”, ha detto ieri Papa Francesco intervenendo ad Assisi.

 

***

Concludiamo con la preghiera scritta dal Papa per questa Giornata:

 

Signore, rendici portatori di speranza,
perché dove c’è oscurità regni la tua luce,
e dove c’è rassegnazione rinasca la fiducia nel futuro.

Signore, rendici strumenti della tua giustizia,
perché dove c’è esclusione fiorisca la fraternità,
e dove c’è ingordigia prosperi la condivisione.

Signore, rendici costruttori del tuo Regno
Insieme con i migranti e i rifugiati
e con tutti gli abitanti delle periferie.

Signore, fa’ che impariamo com’è bello
vivere tutti da fratelli e sorelle. Amen.

 

L'articolo L’omelia dell’arcivescovo Ivan Maffeis per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato pronunciata alla celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale di San Donato, domenica 25 settembre 2022 proviene da Arcidiocesi di Perugia - Città della Pieve.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Arcidiocesi Perugia-Città della Pieve ed è stato inizialmente pubblicato su diocesi.perugia.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia