Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 13 Dicembre 2019

Booking.com

IL M5S CHIEDE DI REVOCARE LA DELIBERA DI AVVIO DELLA VARIANTE SUL PROGETTO EUROCOMMERCIAL-IKEA

Perugia (PG) -
IL M5S CHIEDE DI REVOCARE LA DELIBERA DI AVVIO DELLA VARIANTE SUL PROGETTO EUROCOMMERCIAL-IKEA
Il 24 settembre del 2018, con il voto contrario del M5S, il Consiglio comunale votava l’avvio del procedimento di variante al piano regolatore per il progetto di ampliamento del Centro commerciale di Collestrada. La fondatezza delle ragioni della contrarietà del M5S all’ampliamento e quindi alle varianti al PRG ora sono sotto gli occhi di tutti. Il progetto, nato commercialmente vecchio, tanto che ricordammo ad Ikea Italia, che il nuovo responsabile di Ikea stava cambiando strategie commerciali, viola il vigente atto di programmazione commerciale adottato dal Consiglio nel 2013, il quale vieta nuove medie a grandi strutture di vendita per le aree servite dal raccordo autostradale Perugia – Bettolle nel tratto Perugia Madonna Alta – Ponte San Giovanni e sulla E45 nel tratto compreso tra Collestrada e Ponte San Giovanni – Raccordo Autostradale. E, non potrebbe essere altrimenti perché a prescindere da futuribili interventi sulla viabilità che alcuno ha pienamente compreso l’area di Ponte San Giovanni e di Collestrada già subiscono pesanti ricadute sotto il profilo ambientale, a causa della mole di traffico oltre la capacità dell’infrastruttura e quindi sotto il profilo ambientale e della salute dei cittadini. Avevamo anche contestato la non completa chiarezza del progetto e contestato alla Giunta Romizi di essersi limitata a recepire il progetto e a propagandarlo anziché valutarlo sotto tutti gli aspetti. E, anche qui, non avevamo torto. Tanto che dalla Determina dirigenziale della Regione Umbria, che dispone la VAS sulla variante, emergono grosse lacune, anche sulla variante urbanistica, e in particolare una non satisfattiva rappresentazione degli impatti su paesaggio, ambiente e soprattutto sulla salute dei cittadini. In particolare, dal predetto atto, emergono, fra gli altri: 1) “elementi di criticità visto che l’intervento ricade in prossimità dei due siti Natura “Ansa degli Ornari” e “Boschi a Farnetto di Collestrada”, 2) “La Valutazione di impatto sulla salute non offre adeguati elementi di analisi e di valutazione. Non viene indicato materialmente nessun dato riferibile alla salute derivante dall’ampliamento di Collestrada”. Le conclusioni, peraltro, secondo la USL, tengono conto dell’impatto sulla salute per i frequentatori, ma non per i residenti e gli occupati nelle aree limitrofe. Le stesse valutazioni sulla qualità dell’aria non consentono chiarezza sull’impatto sulla salute e non risultano esplicitate in dettaglio le valutazioni in merito ai flussi di traffico e ai carichi emissivi corrispondenti in relazione ai giorni di apertura del centro commerciale e la sua sovrapposizione con i nuovi flussi di traffico ordinari,  3) le superfici a parcheggio previste a nord della E45 (parte A) e poste tra il centro commerciale e il centro abitato di Ponte San Giovanni sembra costituiscano nuovo consumo di suolo, per quanto invece sia stato affermato anche in sede di consiglio comunale e di conferenza che l’intervento complessivo non genera nuovo consumo di suolo, 4) tutto l’aspetto della variante urbanistica è manchevole di importanti elementi di valutazione e di dettaglio del progetto, analogamente alla parte riferita alla viabilità, 5) l’area è definita dallo stesso Ministero dell’Ambiente di spiccato valore paesistico e ambientale. Visto il ritiro di Ikea e quanto premesso, il M5S, ritenendo peraltro la Deliberazione consiliare illegittima, ha depositato un odg urgente che dovrà essere discusso in consiglio entro l’11 aprile, che prevede impegni specifici per il Sindaco e tutto il Consiglio Comunale e nello specifico: la disapplicazione e pronta revoca della DCC n. 107, del 24 settembre 2018, in collaborazione con la Regione Umbria, a potenziare il trasporto pubblico, anche su ferro, al fine di ridurre drasticamente il traffico veicolare in entrata e uscita da Perugia, in linea con le Deliberazioni consiliari nn. 109, del 11/07/2016, e 128, del 03/12/2018, ad impeganre ANAS affinché sia ridotto il traffico veicolare, anche di mezzi pesanti, in solo transito sulla E45 e a programmare azioni urgenti di risanamento della qualità dell’aria per le aree di Ponte San Giovanni e Collestrada e aree limitrofe, ad avviare uno studio epidemiologico per indagare lo stato di salute della popolazione delle aree di Ponte San Giovanni e Collestrada e aree limitrofe, congiuntamente ad una analisi dello stato delle matrici ambientali, in adempimento della DCC n. 47, del 09/05/2018, al fine della tutela della salute dei cittadini in ottica di prevenzione primaria, confermi il divieto di nuove medie a grandi strutture di vendita nelle aree indicate dal vigente atto di programmazione commerciale
Cristina Rosetti
(Portavoce M5S Comune di Perugia)
PROGETTO EUROCOMMERCIAL REVOCA DELIBERAZIONE CONSILIARE

L'articolo IL M5S CHIEDE DI REVOCARE LA DELIBERA DI AVVIO DELLA VARIANTE SUL PROGETTO EUROCOMMERCIAL-IKEA sembra essere il primo su Perugia 5 Stelle.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Perugia 5 Stelle ed è stato inizialmente pubblicato su www.perugia5stelle.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia