Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 15 Ottobre 2019

Booking.com

COLDIRETTI UMBRIA: I LUPI, OLTRE AL TERREMOTO, FANNO TREMARE LE AZIENDE. COSÌ LA ZOOTECNIA DI MONTAGNA MUORE

Perugia (PG) - A far tremare e a minacciare le aziende agricole, una piaga purtroppo non nuova che rischia di far morire la zootecnia di montagna al pari del terremoto: quella degli attacchi dei lupi. È il forte grido di allarme lanciato da Coldiretti Umbria, nel raccogliere lo scoramento e la rabbia di un giovane imprenditore agricolo di Civita di Cascia che pochi giorni fa ha subito l’ennesimo attacco di lupi che ha causato la morte di 3 vitelli. Una situazione che si ripete sempre più spesso da queste parti - racconta Matteo De Carolis, titolare venticinquenne dell’azienda zootecnica colpita, che conta una cinquantina di chianine; solo negli ultimi mesi altri 5 vitelli hanno subito la stessa sorte. Così viene voglia di lasciare e chiudere l’impresa - aggiunge Matteo - dopo che, oltre tutto, le ultime scosse di terremoto di questo settembre, hanno provocato gravi lesioni alla mia stalla. La preoccupazione è forte perché quando gli animali tra poco torneranno dal pascolo di montagna, non avranno più un ricovero. Occorre salvare - afferma Albano Agabiti Presidente Coldiretti Umbria - tutti gli animali che sempre più spesso vengono uccisi in tutto il territorio regionale, dove la presenza dei lupi è aumentata negli ultimi anni con stragi negli allevamenti, specie nelle zone più marginali. Non si possono lasciar morire gli animali e costringere alla fuga famiglie che da generazioni popolano le montagne, ma anche i tanti giovani, come Matteo, impegnati nel ripristinare la biodiversità con il recupero di storiche razze. Proprio Matteo da soli due anni - riferisce Coldiretti - ha intrapreso con passione questa attività, in una zona già pesantemente colpita dal terremoto che continua a provocare paura e danni, cui purtroppo vanno aggiunti quelli dei lupi. La tolleranza delle aziende - afferma Coldiretti, impegnata in questi giorni nel supportare il giovane allevatore - ormai è al limite; è necessario aumentare gli sforzi per monitorare il “fenomeno” lupi anche in Umbria. Occorre altresì un impegno concreto con un sempre più adeguato sostegno pubblico a idonei sistemi di difesa e un rapido ed equo rimborso dei danni, senza se e senza ma. Non c’è più tempo - conclude Coldiretti - urgono soluzioni da parte delle Istituzioni ai vari livelli, per contrastare una situazione inaccettabile che spinge le aziende agricole verso un’inesorabile abbandono.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Coldiretti Umbria ed è stato inizialmente pubblicato su www.umbria.coldiretti.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia