Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 11 Luglio 2020

Booking.com

COLDIRETTI TERNI: LA NUOVA PAC TRA SOSTENIBILITÀ E INNOVAZIONE

Perugia (PG) - “La nuova PAC tra sostenibilità e innovazione: le opportunità per l’olivicoltura umbra nel Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 e le nuove strategie agronomiche”: questo il tema del Seminario organizzato ieri da Coldiretti Terni a Montefranco presso l’Auditorium Comunale. Un Seminario - spiega Coldiretti - che si è posto l’obiettivo di informare gli imprenditori agricoli sulle ultime novità riguardanti la nuova Politica Agricola Comune e in particolare sui contenuti del nuovo Piano di Sviluppo Rurale dell’Umbria in corso di approvazione. Coldiretti sta fornendo agli imprenditori agricoli una panoramica sulle nuove regole e incentivi per gli agricoltori e i territori rurali introdotte dalla riforma 2014 - 2020, una tappa decisiva anche per il modello agricolo italiano - ha affermato il presidente Coldiretti Terni Massimo Manni, il cui intervento ha concluso il Seminario. Ad illustrare le novità anche Roberto Montagnoli Vicedirettore Coldiretti Umbria, Aleano Barbarossa, Responsabile CAA Coldiretti Terni ed Emilio De Angelis Dottore Agronomo. Ci troviamo di fronte - ha spiegato ancora Manni - ad un’agricoltura mutata, sempre più multifunzionale, orientata alla produzione non solo di semplici derrate, ma di quel cibo di qualità che ogni giorno arriva sulle nostre tavole e di servizi per la collettività. Sulla nuova PAC il nostro Paese è partito da una posizione “difficile”, ma ora la riforma offre finalmente una opportunità straordinaria per premiare chi vive di agricoltura. Tra le novità importanti quella dell’agricoltore attivo e del “greening”, ovvero degli impegni in campo ambientale richiesti alle aziende agricole. All’Umbria tra pagamenti diretti e sviluppo rurale, toccheranno circa 200 milioni di euro annui;  un’attenzione particolare sarà riservata all’innovazione e alla sostenibilità ambientale. Un focus specifico nel corso dei lavori - conclude Coldiretti - è stato dedicato alle prospettive dell’olivicoltura umbra, mai come quest’anno in difficoltà da un punto di vista produttivo, ma una risorsa essenziale per l’intero comparto regionale. Il Seminario è stato realizzato con il contributo finanziario dell’Unione Europea - DG AGRI.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Coldiretti Umbria ed è stato inizialmente pubblicato su www.umbria.coldiretti.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia